proprietà del caffè

Le proprietà del caffè ed i suoi benefici per la salute

Il caffè, in Italia, è più di una semplice bevanda. Uno stile di vita in piena regola, che accompagna ogni sveglia e che occupa ogni pausa. Ogni scusa, insomma, è un valido motivo per investire il nostro euro quotidiano.

Dai tradizionali riti di corteggiamento tra adolescenti alle soste tra colleghi dopo una giornata in ufficio, sino ad accompagnare la fine dell’ultima portata dell’infinito pranzo di Natale. L’espresso è una parte integrante delle nostre vite, un elemento irrinunciabile, un rito di iniziazione che ci
permette di vivere al meglio ogni possibile avversità.

Ogni tazzina corrisponde ad una ricarica e ad una sferzata di energia, fondamentale per portare a termine i propri doveri o per recuperare parte della lucidità persa a causa della stanchezza. Tali effetti rigeneranti sono dovuti alla presenza della caffeina, un alcaloide naturale che agisce come
stimolante. Questo è il primo dei molti benefici del caffè sul nostro organismo, e lo possiamo considerare come il più immediato e tangibile.

In realtà, sono diversi gli effetti che il liquido nerastro apporta al nostro organismo, portando gli esperti a consigliarne l’assunzione.

Le proprietà del caffè

Il primo apparato a ricevere beneficio dall’assunzione di caffè è quello cardiaco, ed è una immediata conseguenza di quanto già riportato. Infatti, secondo le ricerche effettuate da un équipe medica australiana, l’effetto tonificante e stimolante riduce eventuali rischi di aritmia e di fibrillazione atriale.

bacche del caffè
Delle bacche di caffè

Oltre al cuore, un altro organo favorito da questa buona abitudine è lo stomaco, poiché supporta un miglior funzionamento della secrezione gastrica e di quella biliare. Ciò comporta, ovviamente una maggiore capacità digerente, ed un’assimilazione velocizzata degli elementi nutritivi assunti durante il pasto.

Infine, il caffè ha anche il potere di alimentare il nostro metabolismo, aumentandone la velocità e, di conseguenza, il numero di calorie bruciate durante la giornata.

L’effetto lipotico è una vera e propria manna per qualsiasi dieta, poiché velocizza la regolarizzazione del metabolismo e ne aiuta a mantenere la costanza.

I benefici del caffè meno conosciuti

Un altro riscontro positivo dell’espresso lo si ha su di una patologia diffusa in scala sempre maggiore all’interno della popolazione occidentale. Diversi studi, infatti, affermano e lodano i benefici di questa bevanda su asma ed allergie.

Il riscontro lo si è avuto grazie ad uno studio americano, che ha dimostrato che la capacità polmonare dei pazienti che hanno assunto caffeina entro le due ore dal test hanno avuto risultati sorprendenti durante la spirometria, la valutazione della capacità polmonare.

Ecco perché, in breve, l’estratto è considerato come una sostanza dopante, ed è sconsigliato agli atleti nelle tre ore antecedenti all’attività agonistica.

Altrettanto ignorato dalla maggioranza della massa è il potere anoressizante del caffé: la bevanda tratta dalla pianta tropicale, infatti, ha il potere di togliere la fame, non stimolando l’appetito ed inducendo, quindi, gli assidui bevitori ad essere più irregolari nei pasti.

Oltre alla celeberrima caffeina, di cui tutti conoscono l’esistenza, vi sono una gran quantità di sostanze all’interno del caffè. Nessuna di esse, però, è presente in quantità paragonabili, e per questo non vi è un ulteriore incentivazione nell’assunzione della rinomata tazzina.

Tra i tanti e positivi benefici del caffè, possiamo annoverare effetti antifiammatori, antimutagene e antiossidanti.

Il giusto dosaggio giornaliero di caffeina

Scienziati, biologi, esperti di nutrizione e medici, per anni, hanno studiato gli effetti, sia positivi, sia negativi, del caffè sull’organismo umano. Vi sono diverse correnti di pensiero sulle singole proprietà del famoso espresso, ma vi è un aspetto su cui tutti si sono trovati d’accordo: il dosaggio.

caffè espresso

Gli esperti, infatti, indicano che un assunzione pari a 300 mg di caffeina giornaliere, che trasposti corrispondono a circa tre tazzine, non abbia controindicazioni per la salute.

Questa, naturalmente, va proporzionata in base a sesso, età, eventuali patologie e costituzione fisica. Tale livello di alcaloide può essere raggiunto anche da dieci lattine di Coca Cola (tre litri e poco più), sei tazze di the o ancora otto di cioccolata calda.

Rischi del caffè

Nel caso in cui si assumano quantità di caffè eccessive, tutte le proprietà del caffè che abbiamo visto qui sopra verrebbero ad annullarsi ed addirittura invertirsi.

Si rischia infatti di danneggiare lo stomaco ed affaticare la digestione, soffrire di insonnia e della pressione, vanificando gli effetti benefici sul cuore che abbiamo visto in precedenza.

Insomma, è meglio non esagerare e cercare di trarre i benefici del caffè piuttosto che i suoi effetti negativi.

Se volete approfondire vi invitiamo a leggere il nostro articolo titolato Il caffè fa male ? .

In conclusione

Come per tutte le cose, la moderazione è la chiave di regolazione perfetta nell’assunzione del caffè. Gli effetti del caffè positivi sono diversi, variegati e ben degni di nota, ma un eccessivo consumo potrebbe portare a conseguenze devastanti per il nostro organismo, come quelle di cui abbiamo parlato qui sopra.
In questo caso un soluzione potrebbe essere quella di rimpiazzare qualche espresso con un sostituto senza caffeina, come il caffè d’orzo.

Coccolarsi con una tazza di espresso è un vizio a cui nessun italiano potrebbe rinunciare.
L’importante, però, è farlo con saggezza.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.