montalatte

Cappuccinatore: Guida alla Scelta del Miglior Montalatte [Top 5]

Avete mai sentito parlare di uno strumento chiamato montalatte ? Se fate parte della numerosa schiera di persone che amano cominciare la giornata con un gustoso cappuccino, questo elettrodomestico non dovrebbe mancare nella vostra casa!

Il cappuccinatore classico che siamo abituati a vedere è quello installato sulle macchine da caffè professionali che troviamo al bar e non si tratta altro che di un beccuccio dal quale fuoriesce un getto di valore ad altra pressione.
Tramite questo e le sue abilità, il barista monta il latte per creare il nostro gustoso cappuccino.

Esistono però anche montalatte domestici che ci permettono, come accennato in precedenza, di montare il latte e ottenere la schiuma perfetta anche a casa.

Vediamo quindi più nello specifico i vari modelli che puoi trovare sul mercato per passare poi a come scegliere quello più adatto alle nostre esigenze e come utilizzarlo.

Miglior montalatte

Ecco una tabella riassuntiva dei modelli prima di analizzarli nel dettaglio.

Montalatte Severin SEV9688

Montalatte Severin SEV9688Se

Se il cappuccino ha un posto importante tra le tue bevande preferite, dai subito un’occhiata al Severin SEV9688. Si tratta di un dispositivo che offre il massimo per chi vuole avere a disposizione un macchinario in grado di fare cappuccini che non hanno assolutamente nulla da invidiare a quelli del bar.

La schiuma, ottenuta grazie a un sistema brevettato che sfrutta i principi di induzione, risulta densa e compatta, ideale per il cappuccino, ma ottima anche per realizzare mocaccini, marocchini e altre bevande simili.

Il Severin SEV9688 offre 4 diverse temperature selezionabili che consentono di montare il latte anche a freddo. In tal senso, questo cappuccinatore è tarato per non superare i 65 gradi: questo perché oltre tale temperatura, il latte perde molte delle sue proprietà ed il suo sapore inizia ad alterarsi.

Il dispositivo è anche dotato di una rotellina zigrinata e di una liscia offrendo in questo modo la duplice possibilità di riscaldare il latte senza dover per forza creare la schiuma. Può quindi assolvere molto bene anche le classiche funzioni di uno scaldalatte elettrico.

Tra le peculiarità di questo montalatte elettrico, troviamo anche la massima capienza per elettrodomestici di questo tipo, perlomeno in ambito domestico: esso contiene infatti fino a 1 litro di latte.

La pulizia del dispositivo – fattore troppo spesso poco considerato – risulta estremamente semplice: il contenitore, costruito con acciaio inox, è lavabile tranquillamente anche con il lavastovoglie.
Da non sottovalutare anche l’alta qualità dei materiali con cui questo montalatte Severin è stato costruito, nonché il piacevole design, che consente gli di inserirsi facilmente nel contesto di una cucina moderna.

Tirando le somme questo accessorio è decisamente il miglior montalatte in assoluto. A testimonianza di ciò vi è il prezzo che sfiora i cento euro, una cifra che  rispetto alla media di questi dispositivi non è certamente bassa, ma al che al contempo è pienamente giustificata dalla qualità del prodotto. Per gli estimatori del cappuccino è un must!

Acquista su Amazon

Montalatte Philips

montalatte marca philips

Questo montalatte Philips è un dispositivo pensato per offrire un’ampia varietà di bevande, sia fredde che calde, a base di caffè. Il suo funzionamento è tarato su una frusta con cui questo strumento realizza creme lisce e vellutate. Se amate laschiuma del latte questo è il prodotto che fa per voi! Può essere realizzata sia calda che fredda, una variante interessante per l’estate.

Il funzionamento di questo montalatte è molto semplice, grazie ai pulsanti particolarmente intuitivi. La sua capienza da 120 ml permette di fare due cappuccini o due tazze di crema di latte. Questo strumento va però ben oltre il cappuccino e si adatta alla perfezione per sperimentare tante diverse e gustose bevande a base di latte. Rispetto ad altri montalatte mette a punto bevande un po’ meno calde, diciamo non bollenti.

Tra i punti di forza di questo cappuccinatore troviamo sicuramente il rivestimento antiaderente che ne facilita la pulizia. Questa può essere effettuata sia manualmente, sia in lavastoviglie. La base girevole inoltre ne facilita l’impugnatura. Molto comoda è anche la possibilità di estrarre il montalatte dalla base, per versare più facilmente il contenuto e riposizionarlo in un secondo momento. Come confermato ampiamente dalle molte recensioni, chi cerca una schiuma perfetta e corposa, con questo prodotto troverà una delizia per il suo palato!.

Acquista su Amazon

Montalatte elettrico Lavazza MilkEasy

montalatte elettrico lavazza modello milkeasy

Lavazza è indubbiamente un marchio apprezzato nel mondo del caffè, ed anche questo montalatte non delude di certo le aspettative. Si tratta di un dispositivo ideato per offrire la massima facilità nell’utilizzo, come si capisce anche dal suo nome.

Questo acessorio dal design minimal e compatto ha infatti un solo pulsante multifunzione, con cui può essere acceso, spento e azionato. Si presenta poi con l’originale coperchio trasparente che permette di tenere sempre sotto controllo la preparazione delle bevande.

Nonostante il pulsante unico, permette facilmente di realizzare bevande tra loro differenti, sia calde che fredde. Con le sue dimensioni contenute può essere facilmente risposto e risulta molto semplice anche da lavare, nonostante in lavastoviglie possano essere inseriti soltanto i componenti removibili. La capienza è di 120 ml, quindi pari a due tazze, per montare il latte e di 180 ml se utilizzato come scaldalatte elettrico, quindi solo per riscaldare.

I suoi pregi maggiori sono sicuramente la facilità d’utilizzo e il funzionamento particolarmente silenzioso. Tra le sue funzioni troviamo inoltre l’utile segnale acustico che avvisa a preparazione ultimata. Questo della Lavazza è un ottimo montalatte, con un prezzo nella media, e in grado di realizzare una schiuma particolarmente densa e cremosa in pochi secondi.

Acquista su Amazon

Montalatte elettrico Bialetti

montalatte bialetti in acciaio inox

Questo montalatte Bialetti, contrassegnato dallo storico marchio e dal design molto semplice e originale, serve per realizzare creme di latte cremose e gustose. Anche in questo caso stiamo parlando di un prodotto molto apprezzabile, con numerosi punti di forza. Prima di tutto si tratta di un cappuccinatore in acciaio inox, quindi molto resistente. In soli 80 secondi realizza una schiuma di latte cremosa e presenta un coperchio trasparente che permette di seguire l’avanzamento nella preparazione.

La sua capienza permette di realizzare 115 ml di schiuma di latte, mentre per la sola funzione di scaldalatte elettrico i ml di latte riscaldati possono essere ben 240, fino ad una temperatura di 68 gradi. Per la realizzazione della schiuma, rispetto ad altri montalatte, la capacità è quindi leggermente più bassa. Il Milk Frother Bialetti realizza ottime bevande a base di latte, sia caldo che freddo. La confezione contiene due fruste: una per montare il latte e una invece per scaldarlo.

La sua azione risulta maggiormente efficace su latte di tipo “intero”, mentre ha delle difficoltà maggiori con il latte scremato. Il suo lavaggio è leggermente più complesso rispetto ad altri montalatte, in quanto è necessario seguire le indicazioni del produttore e non utilizzare la lavastoviglie. I risultati ottenuti, comparati ad un prezzo non eccessivamente alto, comunque nel complesso sono più che apprezzabili. Ottimo per chi cerca uno scaldalatte performante!

Acquista su Amazon

bonVIVO Fomo montalatte manuale

montalatte manuale bonVIVO Fomo

Se vuoi optare per qualcosa di semplice e di ancora più economico, esiste il montalatte manuale. In questo settore, la nostra scelta cade sul bonVIVO Fomo, un dispositivo facile da usare e che consente di trasformare il latte in una perfetta crema, adatta sia per cappuccini che per marocchini, mocaccini o semplicemente caffè macchiati.

La struttura dell’oggetto è realizzata in vetro termoresistente, con un materiale elastico di gomma nera che consente una presa agevole e sicura. Il setaccio doppio a maglia sottile è un elemento indispensabile per creare la schiuma. Per quanto riguarda il design, questo montalatte manuale si presenta molto piacevole alla vista con un’estetica che coniuga linee moderne con una grande praticità.

Nessuna difficoltà per quanto riguarda la pulizia essendo la frusta posta all’interno facilmente estraibile e, riposizionabile dopo le dovute manutenzioni igieniche – trattandosi di latte è opportuna una cura adeguata e scrupolosa.

Utilizzare uno schiumalatte a mano non è difficile: è sufficiente riempire l’apposito contenitore con il latte sino al livello indicato, quindi muovere la leva su e giù finché non si formerà la consueta schiuma. Quella ottenuta con questo modello è ottima, ma tende ad essere un pò più ariosa rispetto ai modelli superiori.

Acquista su Amazon

Come usare il montalatte

Nonostante questo tipo di elettrodomestici siano facili ed intuitivi da utilizzare, esistono alcuni accorgimenti che ci permettono di migliorarne l’utilizzo ed assicurarci di ottenere una schiuma cremosa ogni volta.

La prima cosa da fare è accertarci che il nostro modello di montalatte sia anche in grado di scaldare i liquidi altrimenti dovremmo farlo noi prima di utilizzarlo.
Fortunatamente si tratta di una funzione molto comune e ad eccezione del modello manuale, è presente su tutti quelli elencati in questa pagina.

In secondo luogo è bene fare attenzione a che tipo di latte di sta utilizzando.
Una componente fondamentale per ottenere una schiuma cremosa e densa è infatti il grasso.

schiuma montalatte
Schiuma ottenuta con il metodo descritto

Questo significa che il latte intero meglio si presta ad un cappuccino rispetto ad uno scremato, la quale schiuma sarà decisamente meno corposa. Anche il latte vegetali o quelli senza lattosio purtroppo tendono spesso a mancare di cremosità.

Eliminare l’aria dalla schiuma ottenuta è un altra operazione che dobbiamo imparare a compiere se vogliamo ottenere un cappuccino perfetto.
Per fare ciò, se avete un montalatte con il bricco estraibile, una volta terminato il ciclo di montaggio tiratelo fuori ed iniziare a muoverlo in modo da far ruotare il latte in modo concentrico al suo interno. Sbattete poi il fondo del contenitore su una superficie piana dopodichè fatelo ruotare di nuovo.

Questo serve a far salire in superficie eventuali bolle d’aria e successivamente romperle in modo da aumentare la cremosità della schiuma: siamo sicuri che avete assistito a questa operazione nelle occasioni in cui avete ordinato un cappuccino al bar.

Come scegliere un montalatte

Dopo questa rapida carrellata sui diversi modelli, probabilmente sarai piuttosto indeciso su quale articolo indirizzarti. Per poter scegliere un cappuccinatore in linea con le tue esigenze è bene andare ad analizzare quali siano i parametri più importanti da prendere in considerazione

La capienza

Il primo fattore su cui dovrebbe concentrarsi la tua attenzione è la capacità massima. Questa misura va a determinare la quantità di latte su cui puoi lavorare per ogni singolo uso e dunque è influenzata anche dal numero di utilizzatori abituali. Una famiglia composta di quattro persone ad esempio avrà necessità differenti da un single.

Un contenitore di un monta latte ad alta capacità

Tra le specifiche dei montalatte elettrici in commercio, vengono solitamente riportate due distinte capacità: una indica lo spazio disponibile per il latte semplicemente da riscaldare l’altra – logicamente inferiore – va a quantificare il contenuto del latte da montare.

Come è intuibile infatti, la schiuma occupa maggiore volume: se intendi utilizzare questo accessorio per fare la schiuma da cappuccino, attieniti scrupolosamente a tale quantità per evitare che il liquido fuoriesca dal dispositivo.

Solitamente, i montalatte si dividono in tre diverse capienze:

  • Ridotta, ovvero con 200ml di latte da scaldare (100ml da montare). Tradotto in pratica, puoi preparare un cappuccino alla volta
  • Intermedia, ovvero 400ml di latte scaldabile (200ml da montare) che di conseguenza sarà utile per realizzare due cappuccini con un solo utilizzo
  • Alta,  700ml di latte da scaldare e 350 ml da montare. Con una capienza così elevata è possibile realizzare tre cappuccini e ottenere ancora un po’ di schiuma in più.

Le funzioni

Quando ti appresti a scegliere un montalatte elettrico, vi sono alcune particolari funzioni per cui è bene avere un occhio di riguardo. Tra le tante è utile ricordarsi delle due più importanti e diffuse:

  • Spegnimento automatico: garantisce in alcuni modelli di spegnersi automaticamente una volta concluso il ciclo di riscaldamento. Si tratta di una funzione particolarmente diffusa e diventata praticamente uno standard.
  • Selettore della temperatura: è una funzione presente in molti prodotti e garantisce di trattare il latte scegliendo tra diverse temperature.I modelli più costosi permettono di selezionare un pulsante per scegliere una specifica temperatura mentre quelli meno avanzati hanno due o più tasti preimpostati.
  • Led luminosi: quando uno scaldalatte elettrico è fornito anche di indicatori luminosi a led è molto più facile comprendere in modo immediato se la macchina è in funzione. Certamente non si tratta di un fattore di scelta, ma è sicuramente utile per capire se la macchina sta lavorando a caldo o a freddo, oppure se vi sono particolari funzionalità azionate, come ad esempio la scelta della temperatura desiderata.

Naturalmente esistono una serie di funzioni secondarie che variano da modello a modello: a meno che tu non sia un patito di tecnologia però, le suddette due dovrebbero già essere più che sufficienti per utilizzare il cappuccinatore al meglio delle sue potenzialità.

Struttura del dispositivo

I montalatte elettrici possono presentarsi con diversi tipi di struttura e conseguentemente di meccanismi che si differenziano a livello di progettualità industriale. Come per molte altre peculiarità – non solo dei cappuccinatori ma anche di altri elettrodomestici – non esiste una soluzione universalmente adatta a tutti.

Generalmente, ogni dispositivo è costituito da una sorta di base su cui è posizionato un contenitore. Mentre la base contiene la parte meccanica vera e propria, il contenitore è dove avviene la procedura che trasforma il latte in schiuma.

Al di là di questi principi che ogni cappuccinatore ha in comune, la loro forma e struttura può variare anche notevolmente. A grandi linee si possono individuare due distinte tipologie:

  • monta latte ad incastro
    Ad incastro.
    Gli elettrodomestici realizzati con questa logica si presentano con una base piuttosto alta: alla sommità di essa si incastra il contenitore – costituito da una brocca o da una sorta di bicchiere in materiale vetroso. Spesso, la parte adibita a contenitore è piuttosto larga e, per questo motivo, risulta leggermente più ingombrante rispetto alle altre strutture. Il rovescio della medaglia è che, proprio per il maggior spazio occupato, si tratta spesso dei montalatte dotati di maggiori funzioni, nonché risultano come quelli più capienti.
  • A base rotante. I cappuccinatori facenti parte di questa categoria consentono di sistemare la brocca su una base rotante, che permette un aggancio più agevole. Questo tipo di design viene solitamente riscontrato nei dispositivi più compatti e meno ingombranti. A loro volta però questi montalatte hanno spesso una capacità inferiore rispetto alla tipologia precedente.

Naturalmente non mancano le alternative o gli ibridi: ogni singolo brand ha personalizzato il proprio prodotto con l’intenzione di accattivarsi, giustamente, l’attenzione del possibile acquirente, bilanciando l’aspetto con un utilizzo semplice per tutti

In ogni caso, a prescindere dal materiale utilizzato, è bene sempre attenersi a quanto scritto nel manuale di istruzioni specifico.

Potenza

Rispetto a quanto si possa pensare, il fattore della potenza non ha un’incidenza così marcata in un tipo di elettrodomestico del genere. Va comunque tenuto conto che essa ha un certo peso specifico per quanto riguarda il tempo di preparazione del latte.

In questo senso esiste un’unità di misura come il Watt che, più è elevata più va a influire sui tempi di lavorazione dell’alimento. Va chiarito come un wattaggio maggiore non è sinonimo di dispositivo migliore: si tratta di una peculiarità spesso collegata da prezzo e qualità del montalatte.

A grandi linee, per questo genere di dispositivo, si va dai 400 Watt ai 650 Watt.

La temperatura

La temperatura è una componente importante in un montalatte professionale o comunque di buona fascia, in quanto permette di selezionare il livello di calore a cui si desidera portare il latte o la schiuma di latte.

Poter selezionare la temperatura maggiormente gradita è un vero valore aggiunto per tutti gli amanti del cappuccino e del latte schiumato. Pensate infatti a quante volte vi sarà capitato di bere un buon cappuccino ma di aver pensato che avreste gradito una schiuma leggermente più calda.Con questa funzione aggiuntiva, da veri intenditori, sarà così facilmente possibile scegliere la temperatura del vostro cappuccino in ogni sua componente.

Per alcuni può essere anche molto interessante poter variare il grado di calore in base alla stagione e al clima esterno, gradendo ad esempio un cappuccino meno caldo in estate. Il ventaglio di temperature possibili parte generalmente dalla lavorazione a freddo, per arrivare circa a 65°C.

In alcuni casi i cappuccinatori consentono di scegliere in modo generico tra una temperatura “bassa” o una “alta”, senza specificarne i gradi. Si tratta di un compromesso rispetto a quelli che permettono di stabilire l’esatta temperatura ma se non avete particolari esigenze o gusti, può comunque essere una funzione aggiuntiva soddisfacente

Montalatte elettrico o manuale?

Dopo tutte queste parole, è quasi dovuto farsi una domanda di questo tipo. Potendo scegliere senza alcun vincolo di prezzo, il montalatte elettrico vince a mani basse il duello. Motivo? In realtà ve ne sono diversi, in quanto questo tipo di elettrodomestico risulta:

  • Decisamente più comodo e pratico
  • Più veloce, soprattutto se si deve preparare più di un singolo cappuccino
  • Grazie alle regolazioni automatiche è pressoché impossibile bruciare il latte
  • La schiuma ottenuta è qualitativamente migliore
  • Può essere utile anche per preparare altri tipi di bevande

Manutenzione del montalatte

come lavare cappuccinatore

Una delle caratteristiche ingiustamente snobbate è spesso la facilità e la praticità in fase di lavaggio.

Questo genere di elettrodomestici infatti, richiede un’attenta pulizia: in caso contrario, si può facilmente andare a creare una patina di latte secco al suo interno che, oltre ad essere antiestetico è decisamente poco salutare.

Vale la pena di ricordare che il latte può essere facilmente contaminato da batteri e pertanto un’accurata pulizia dopo l’uso è imprescindibile. Se ci è consentita una divagazione su questo tema, prendiamo in considerazione i consigli della nonna. Non sono necessari particolari detersivi per togliere incrostazioni difficili. Basta un pò di aceto, che oltretutto ha anche una discreta azione disinfettante.

Le operazioni di pulizia dunque, sono a dir poco fondamentali quando si sceglie un modello di cappuccinatore. Anche in questo caso però, prima di fare un acquisto, è bene informarsi accuratamente sul tipo di montalatte che stai per portarti a casa: risulta logico che poter smontare una brocca e inserirla nella lavastoviglie piuttosto che lavarla a mano, è decisamente più veloce e rapido.

In tal senso è necessario però fare grande attenzione, in quanto solo i modelli in acciaio possono normalmente essere lavati in questo modo e, qualunque altro tipo di materiale impiegato, necessita invece di una pulizia manuale (tramite un panno umido). Naturalmente per scongiurare ogni qualsivoglia problema, è bene sempre tenere sott’occhio il manuale delle istruzioni.

In conclusione

Il cappuccinatore è un elettrodomestico estremamente utile per chi ama particolarmente una delle classiche bevande destinate alla colazione degli italiani. Grazie alle nuove tecnologie è possibile avere nella propria cucina un dispositivo di questo genere senza dover per forza spendere una cifra esagerata.

Una volta che si è convinti di acquistare un montalatte però, va fatta una scelta chiara: se l’uso di tale oggetto è occasionale, vi è la concreta possibilità di poter optare per un montalatte manuale. Nel caso in famiglia vi siano più persone o se è comunque previsto un utilizzo piuttosto massiccio, è bene optare per un dispositivo elettrico (e magari anche con una capienza superiore ai canonici 200 ml).

Nel caso la scelta cada su un cappuccinatore elettrico, vanno poi prese in considerazione una serie di caratteristiche del dispositivo. Dallo spazio al design, passando per le funzioni presenti sino agli optional che, seppur possano inizialmente sembrare superflui, sono il proverbiale ago della bilancia se si è indecisi tra due modelli. Una volta acquistato il montalatte, al fine di preservarlo e non combinare dei veri e propri guai, è bene imparare a pulirlo nel modo più corretto. Questo è importante prima ancora di iniziarne l’uso e anche per ovviare al possibile inquinamento involontario dovuto alla manipolazione durante le fasi di imballaggio da parte della ditta produttrice.

Seguendo questa procedura, puoi assicurarti dei cappuccini degni del miglior bar per i prossimi anni!

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *