caffè al lavoro

Il caffè al lavoro migliora le prestazioni

Che siate dipendenti o datori, una buona tazza di caffè può essere utile a migliorare le proprie performance ed anche la percezione che si ha del proprio posto di lavoro.

Questo può contribuire quindi ad un aumento delle prestazioni dell’intera azienda: ok, forse stiamo esagerando, ma se avete dato uno sguardo al sito dovreste conoscere molto bene la nostra posizione in merito al caffè !

Parlando di benefici

Tutti sappiamo come la caffeina contenuta nel caffè porti dei benefici in termini di attenzione e concentrazione che permettono di lavorare più efficacemente, contribuendo al tempo stesso a ridurre lo stress come mostrato da alcune recenti ricerche.

Questo segna quasi un addio verso le vecchie leggende secondo le quali bere caffè aumenti la pressione causando agitazione e nervosismo: accade infatti solo con dosi piuttosto massicce di caffeina e solamente se si ha una predisposizione.

Gli effetti benefici non risiedono però tutti nella caffeina in sè, ma anche nel semplice gesto del prendersi quei due minuti di pausa ed incontrare i propri colleghi anch’essi usciti a prendere un caffè. Questo migliora la socializzazione e rafforza il senso di unione ed appartenenza all’interno del proprio posto di lavoro.

A supporto di quanto detto qui sopra, uno studio pubblicato da Journal of Psychopharmacology ha mostrato come il caffè migliori la cooperazione come gruppo.

Durante questo esperimento gli scienziati hanno preso come campione 72 studenti alla metà dei quali è stato offerto un caffè. Per correttezza all’altra metà è stato promesso un caffè alla fine dell’esperimento.

Gli studenti sono stati poi ri-mischiati e divisi in piccoli gruppi ai quali è stato chiesto di parlare di argomenti controversi come politica e situazioni socio economiche e successivamente valutare il loro intervento e quello dei loro compagni.

I risultati hanno mostrato come gli studenti a cui era stato precedentemente fatto bere un caffè abbiano dato punteggi più alti sia a sè stessi che ai loro compagni.
Lo stesso esperimento è stato poi ripetuto dividendo il caffè somministrato tra decaffeinato e normale: anche qui gli studenti che aveva ingerito caffeina hanno avuto risultati migliori, eliminando così la possibilità che i risultati precedentemente ottenuti fossero solo merito della suggestione.

Serve quindi un bar in azienda ?

Non necessariamente ! Un bar potrebbe costituire decisamente un punto a favore nel proprio posto di lavoro, ma l’importante sembra sia avere un angolo nel quale incontrare i propri colleghi ed avere disponibilità di bevande e caffè.

Un ottimo esempio di come questa soluzione possa essere applicata è l’utilizzo di distributori automatici che certamente comportano vantaggi come la riduzione dei costi senza dover sostenere alte spese iniziali, soprattutto se si sceglie il non acquisto definitivo del macchinario ma si opta per differenti soluzioni, come ad esempio la formula del comodato d’uso, che consente di poter utilizzare liberamente il prodotto ma senza esserne realmente proprietari.

Questa possibilità non vale solo per i distributori di bevande ma anche per quelli contenenti alimenti o snack; l’offerta di distributori proposta dal mercato attuale sa essere sempre più variegata e riesce ad adattarsi anche ad aziende di differente dimensione (per farvi un esempio pratico, in questa selezione di distributori automatici sono disponibili articoli adatti per le piccole realtà aziendali che non superano i 20 dipendenti, fino ad arrivare a quelli ideali per ditte di grandi dimensioni).

In questo modo inoltre non si è necessariamente costretti a lasciare il proprio posto di lavoro per andare a prendere il caffè da qualche altra parte, potendo così godersi appieno la propria pausa.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.