caffettiera elettrica

Caffettiera elettrica: le migliori 5 per un ottimo caffè

In assenza di un fornello a gas, magari perchè si ha una piastra ad induzione o anche semplicemente perchè la si vuole utilizzare in ufficio, la caffettiera elettrica è un’alternativa ad una più costosa ed ingombrante macchina da caffè.

Rispetto alla moka tradizionale, questa tipologia di macchinetta non si differenzia di molto, se non per la presenza di una base integrata che serve a portare l’acqua alla temperatura di ebollizione rendendo quindi possibile utilizzarla ovunque ci sia una presa elettrica.
In commercio ne esistono parecchie, ma sono davvero poche quelle affidabili ed in grado di garantire un caffè di gran gusto.

Vediamo quali sono quindi le migliori caffettiere elettriche disponibili adesso sul mercato, per poi analizzarne le caratteristiche e capire cosa ci abbia spinto ad includerle in questa nostra guida.

Migliori caffettiere elettriche

Ecco una tabella riepilogativa dei modelli prima di vederli in dettaglio.

De’Longhi Alicia Plus EMKP 42.B

de longhi alicia

Questa moka elettrica De Longhi è probabilmente il miglior acquisto che si possa fare al momento in termini di caffettiera elettrica.
Dispone di molte funzioni intelligenti unite alla flessibilità: grazie ad un filtro incluso nella confezione infatti, è anche possibile fare il caffè d’orzo senza andare ad intasare la macchinetta.
Il design è quello molto classico di questo marchio, con il corpo in metallo ed il bricco superiore in plastica.

caffettiera elettrica de longhi

La base, che non è integrata nella macchinetta per cui può essere rimossa per versare il caffè o riempire la caldaia con acqua, ha la caratteristica di funzionare a “360°”. Questo significa che questa caffettiera elettrica non ha uno slot d’incastro ma può essere posizionata liberamente.
La capienza è di 4 tazze, ma viene fornito anche un riduttore che permette di restringere il filtro in modo da ottenere solamente 2 caffè.

Tra la miriade di funzioni disponibili, come precedentemente accennato troviamo:

  • Funzione Orzo: come detto prima basta selezionare questa funzione dalla base ed inserire l’apposito filtro
  • Timer: che permette di programmare un orario in cui il caffè verrà preparato fino a 24 ore in anticipo. Utilissimo per chi vuole il caffè pronto a colazione
  • Funzione Aroma, che permette di regolare l’intensità del caffè scegliendo tra tre diversi livelli
  • Mantenimento del caffè caldo fino a 30 minuti successivamente all’erogazione

Il tempo necessario per ottenere il caffè si aggira tra i 3 ed i 4 minuti per questa caffettiera elettrica, a seconda della capienza scelta di 2 o 4 tazze.
Ottimo è anche il consumo energetico, che viene maggiormente ridotto anche dalla funzione di spegnimento automatico che si attiva dopo 30 minuti di inutilizzo.

Per completezza vi informiamo che esiste anche il modello EMKP 63.B: identico nelle funzioni e nelle caratteristiche si distingue da questo modello per avere una capienza di 6 tazze che può essere ridotta a 3 con l’apposito adattatore.

Acquista su Amazon

Ariete 1358

caffettiera elettrica ariete 1358

Un’opzione dal costo più accessibile che non compromette comunque la qualità del caffè ottenuto è la caffettiera elettrica Ariete 1358.
Anche questa è estraibile dalla base, ed ha la caldaia in metallo e la parte superiore del corpo realizzata in plastica: a differenza del modello descritto sopra però, la plastica in questo caso non da la stessa sensazione di solidità.
Nonostante ciò il design è molto curato e fuori dalla monotonia, soprattutto nella colorazione bianca.

La capacità come molti altri modelli è di 4 tazze, ma grazie all’adattatore filtro incluso nella scatola può essere comodamente ridotta a 2.
Tra le funzioni presenti si apprezzano quella che mantiene il caffè caldo per un tempo massimo di 30 minuti e lo spegnimento automatico.
Non è presente un timer per programmare l’erogazione, che ha tempi che si aggirano intorno ai 4 minuti e mezzo per 4 tazze e circa 3 minuti per 2.

A fronte del prezzo di tratta di un ottimo acquisto che soddisfa anche i più esigenti in termini di caffè.

Acquista su Amazon

Beper Lucilla

caffettiera elettrica beper

Un’altro modello di moka elettrica dal design non troppo particolare, che si distingue però dalle per una caratteristica ben precisa.
La capacità di questa caffettiera è infatti di 3 tazze: un numero piuttosto insolito, che con l’adattatore incluso nella confezione può essere portato a 1 !

Questo la rende molto utile se siete abituati a preparare un caffè solo per voi stessi, e non ci risulta che al momento ci siano molti altri modelli in grado di fare lo stesso.

La base sulla quale si inserisce la macchinetta per portarla ad ebolizzione e quindi preparare il caffè è ruotabile a 360° ed è dotata di una serie di pulsanti ed un piccolo schermo che consentono di accedere velocemente alle funzioni offerte da questa caffettiera elettrica. Esse sono:

  • Autoaccensione, che consente di programmare la preparazione del caffè fino ad un giorno in anticipo ed utile per trovare il caffè caldo appena svegli
  • Autospegnimento
  • Mantenimento del caffè caldo per un tempo massimo di 30 minuti

Come per altri modelli la caldaia della macchinetta ed il filtro sono in alluminio, mentre il serbatoio dove va a depositarsi il caffè è realizzato in plastica infrangibile.

Il costo è in linea con questa tipologia di accesorio.

Acquista su Amazon

Bialetti 6093 Moka Elettrica Easy Timer

bialetti moka elettrica easy timer

Tutti conosciamo la Bialetti: dopotutto è l’azienda che in misura maggiore ha contribuito allo sviluppo ed alla distribuzione della classica moka. Ovviamente nel loro range di prodotti non poteva di certo mancare anche una caffettiera elettrica.

Questo modello in termini di design non si differenzia particolarmente dai modelli più classici, a parte per la presenza della base estraibile e l’anello in gomma sul fondo che permette di poggiare la caffettiera anche calda senza bruciare le superfici. A differenza dei modelli proposti qui sopra, questa è realizzata interamente in alluminio, garantendogli una migliore resistenza e durabilità nel tempo-

La capacità in questo caso è di ben 6 tazze e purtroppo non troviamo un adattatore per il filtro che permetta di ridurre la quantità erogata. In compenso è presente la funzione per mantenere il caffè caldo per mezz’ora, così da non doverlo sprecare.

Il display posto sulla base, molto chiaro e luminoso, permette di programmare l’erogazione grazie ad un timer incorporato che funge anche da sveglia, suonando quando il caffè è pronto: i più assuefatti da caffè potrebbero quasi metterla sul comodino !!
E’ presente anche la funzione di spegnimento automatico per il risparmio energetico.
La qualità del caffè è ottima, come quello a cui ci ha abituato la Bialetti stessa nel corso degli anni.

Acquista su Amazon

Ariete 1344 BreakFast Station

ariete breakfast station

Per i più esigenti in termini di bevande calde, esiste la Breakfast station della Ariete.
La caffettiera elettrica è la stessa descritta sopra, ovvero il modello 1358, ma stavolta la base estraibile è più grande ed abbinata ad un cappuccinatore.

Questo permette sia di fare un caffè, montare il latte, o semplicemente di scaldare acqua per fare un tè. Il funzionamento è estrememente semplice grazie ai 3 tasti presenti sulla base: il primo serve a fare il caffè, il secondo a montare il latte, ed il terzo solamente a scaldare i liquidi.

Il prezzo, a fronte della completezza di questo accessorio, non è assolutamente esagerato e potrebbe essere davvero una svolta nella vostra abitazione quando si tratta di fare colazione !

Acquista su Amazon

Come funziona una caffettiera elettrica

Il principio di funzionamento dietro questo tipo di macchinetta per il caffè è praticamente identico a quello di una moka standard che abbiamo visto e discusso in un altro dei nostri articoli e che trovate qui sul sito.

alicia plus

La differenza principale consiste nel fatto che questa tipologia di modello ha una base che va collegata ad una presa elettrica e serve a far bollire l’acqua in modo da poter ottenere il caffè senza l’utilizzo di un fornello.
Una volta che la base viene scaldata l’aria presente nel serbatoio aumenta di volume (una caratteristica che accomuna tutti i gas) andando così a spingere l’acqua nel filtro, dove essa si fa strada tra il caffè andandone così ad estrarne gli aromi.

Le macchinette in questione possono essere divise però in due categorie.

Quelle con la base integrata hanno generalmente una capacità ridotta di 1 o 2 tazze e sono principalmente pensate per chi viaggia molto, ad esempio in camper o campeggio.

Le caffettiere elettriche con base estraibile invece hanno generalmente un serbatoio più grande che permette spesso di ottenere anche 4 o 6 tazzine di caffè a seconda del modello. L’ingombro in questo caso è maggiore.
Molto spesso con questi modelli la qualità del caffè è nettamente migliore, caratteristica data dal fatto che i materiali utilizzati e la cura nella realizzazione sono maggiori.

Caratteristiche e funzioni

Per scegliere la miglior caffettiera elettrica bisogna tenere in considerazione le nostre necessità e la presenza o meno di funzioni che possono tornare utili o fare al caso nostro.
Vediamo quali sono:

filtro orzo
Filtro per orzo della Alicia Plus
  • Capienza: la capienza è ovviamente un parametro molto importante quando si sceglie questo tipo di prodotto. E’ molto difficile trovare capienze sotto alle 4 tazze, ma molto spesso nei modelli migliori viene incluso un adattatore o un secondo filtro che permette di ottenere una quantità minore di caffè, in genere sufficiente per due tazzine.
  • Timer: il timer permette di programmare l’avvio in modo automatico fino a 24 ore prima. Questa funzione è caratteristica dei modelli migliori, ed è l’ideale per chi ama trovare il caffè pronto alla mattina.
  • Mantenimento della temperatura: permette di mantenere il caffè caldo per un lasso di tempo successivo all’estrazione. Generalmente è di 20 o 30 minuti.
  • Regolazione dell’intensità: su alcuni modelli, in particolare le caffettiere elettriche De Longhi, è possibile trovare un sistema di regolazione che permette di scegliere quanto forte dovrà essere il caffè ottenuto. Generalmente sono presenti 3 settaggi differenti.
    Questa funzione torna molto utile anche per adattare la bevanda ottenuta in base al tipo di caffè che si sta utilizzando in quel momento. Con miscele di caffè più forti, potrete regolare ad esempio una minore intensità in modo da ottenere il perfetto bilanciamento.
  • Caffè d’orzo: come abbiamo già accennato quando menzionato sopra su alcune caffettiere elettriche troverete incluso nella confezione un filtro che serve per la preparazione del caffè d’orzo. Il filtro è necessario in quanto la polvere dell’orzo è molto più fine rispetto al caffè: se non utilizzato si rischia di andare ad intasare ugelli e condotti.
  • Materiali e design: questo dipende molto dai gusti personali, ma anche il design potrebbe influire sulla vostra scelta, anche se probabilmente in misura minore. Una cosa da considerare è però lo spazio che questo accessorio andrà ad occupare rispetto alle sue dimensioni.
    Leggermente differente è invece il discorso per quanto riguarda i materiali utilizzati in quanto determinato proprietà come quello della durata e della resistenza. Generalmente questa categoria di prodotti è realizzata in un mix di plastica – soprattutto per la parte superiore – e alluminio – per la caldaia. Alcuni modelli sono totalmente realizzati in alluminio.
  • Accessori aggiuntivi: oltre al già menzionato filtro per l’orzo, una caffettiera elettrica può presentare altri accessori, anche se meno diffusi, come ad esempio il filtro per l’acqua. Questo è molto utile se l’acqua all’interno della propria abitazione è molto dura e ricca di calcare: questi elementi infatti possono alterare il sapore del caffè. Non solo, essi pregiudicano anche la vita dell’elettrodomestico.

Manuntenzione

Molto imporante per le caffettiere elettriche è sicuramente la loro manutenzione e pulizia.
Queste operazioni sono molto importanti, in quanto aiutano a preservare sia la qualità del caffè che viene erogato allungando al contempo la vità della caffettiera.

Per lavare questi accessori potete procedere come su una normale moka, utilizzando una spugna non abrasiva e del sapone per piatti neutro. Sconsigliamo di utilizzare la lavastoviglie in quanto si tratta di un lavaggio più agressivo.

Se dovessero invece formarsi dei depositi di calcare perchè l’acqua all’interno della vostra abitazione è particolarmente dura, potete preparare un caffè a vuoto aggiungendo un goccio di aceto nella caldadia e sciacquando poi abbondantemente.

Consumi

Quella dei consumi è anche una questione che spesso si presta a discussioni quanto si parla dell’acquisto di una moka elettrica. In realtà tra i piccoli elettrodomestici si tratta di uno di quelli dal minor consumo: le basi infatti raramente superano i 400 W di potenza, ed anche se lo fanno il processo di estrazione del caffè dura solamente pochi minuti non andando ad incidere eccessivamente sulla bolletta.

In ogni caso la maggior parte dei modelli ora in commercio è dotata di una funzione per il risparmio energetico: dopo 20 o 30 minuti di inutilizzo, la caffettiera andrà in stanby, consumando una quantità di energia pari praticamente a 0.

Per concludere

Sperando di avere fatto chiarezza nel non troppo vasto mondo della moka elettrica, non resta anche a noi della Bottega del buon caffè che prepararci un bel espresso fatto a dovere.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *